Primavera Medioevale a Bevagna

Home » Primavera Medioevale a Bevagna

Primavera Medioevale a Bevagna

2018-04-26T21:22:20+00:00 Categories: Arte e Cultura|Tags: , |Commenti disabilitati su Primavera Medioevale a Bevagna

Dal 27 Aprile al 1 maggio 2018….

…. la Primavera Medievale torna ad animare il borgo di Bevagna!

Questo è un evento che, nato come vetrina e anteprima della più nota festa medievale di giugno, ha nel tempo acquistato dimensione e spessore propri.

Questo evento promuove delle giornate di cultura, arte e gastronomia medievale. Bevagna si prepara alla manifestazione di giugno, riaprendo i mestieri e donando il paese ai numerosi turisti che, nel periodo festivo tra aprile e maggio, scelgono l’incantevole Gioiello d’Italia come meta per vivere un’esperienza fuori dal tempo.

Durante questo periodo non mancano iniziative culturali come concerti o conferenze legate alle tante ricerche effettuate dalle quattro gaite.

 

La Primavera di quest’anno presenta inoltre un grande evento: il concerto, unica data in Umbria, del menestrello più famoso d’Italia, Angelo Branduardi.

La sua tournee infatti farà tappa in piazza Silvestri il 29 aprile. Branduardi presenterà brani molto noti del suo repertorio ed anche alcuni dei pezzi tratti dall’album “L’infinitamente piccolo”, un grande ed originale lavoro in cui il maestro ha musicato le parole di Francesco.

A tutto ciò si aggiungono gli elementi tipici della festa medievale di Bevagna: il mercato, le taverne, i mestieri e l’animazione che, in particolare la notte del 28 si muoverà nei vicoli e nelle piazzette del borgo. Tra gli altri tornano: ASD Ferreo Core, con l’accampamento medievale, la Compagnia di Santo Macinello, Manipura Fire con la magia del fuoco, la Compagnia Diavoli Rossi, Musicanti Potestatis ed i Giullari del Diavolo.

Altri appuntamenti di rilievo il 30 aprile: nel pomeriggio la conferenza sul vestire e calzare nel medioevo, con gli storici Franco Franceschi, Elisa Tosi Brandi e Laura Righi, mentre la serata prevede il recital Storie dal Medioevo, con Alessandro Vanoli e Amedeo Feniello.